LA GRANDE BELLEZZA – Ennio Flaiano. Il mito della dolce vita nella Roma degli anni Cinquanta

LA PRESENZA DI ÈRATO

download
Il poeta che compendia e riflette le contraddizioni, le inquietudini degli anni Cinquanta è Ennio Flaiano: un non-poeta, uno sceneggiatore, uno scrittore di epigrammi, di pseudo poesie, uno scrittore di non-romanzi, o meglio, di romanzi mancati, «ridanciano, drammatico, gaglioffo, plebeo e aristocratico» come egli ebbe a definire Il Morgante di Luigi Pulci. «Perché io scrivo? Confesso di non saperlo, di non averne la minima idea e anche la domanda è insieme buffa e sconvolgente», scrive Flaiano, poeta lunatico, irriverente, un arcimbolodo antidemagogico, antiprogressista, anti marxista e anti borghese, personalità assolutamente originale che non può essere archiviata in nessuna area e in nessuna appartenenza letteraria.

View original post 1.325 altre parole

Annunci

Commenti disabilitati su LA GRANDE BELLEZZA – Ennio Flaiano. Il mito della dolce vita nella Roma degli anni Cinquanta

Archiviato in Uncategorized

I commenti sono chiusi.