Una Poesia Inedita di Paolo Ruffilli

LA PRESENZA DI ÈRATO

paolo

ODE AL TRADUTTORE INCERTO

Se vuoi tradurmi
e non mi vuoi tradire,
non lasciarti indurre
all’ansia di capire
ma affidati propenso
– almeno per metà
(la testa e il cuore…) –
al tuo più intimo sentire,
facendone lo specchio
del vero gran riflesso,
e interpreta i miei versi
come note…
usa le pagine
come gli spartiti.
Leggi con l’orecchio
nei segni percepiti:
c’è un nesso
tra suono e senso
dentro la parola
ed è la musica
a crearlo per intero,
l’unica che vola
dalla terra al cielo.
Considera te stesso
lettore e ascoltatore
in una volta sola.

View original post 61 altre parole

Annunci

Commenti disabilitati su Una Poesia Inedita di Paolo Ruffilli

Archiviato in Uncategorized

I commenti sono chiusi.