Archivi del mese: agosto 2016

Anna Achmatova ” Il silenzio dell’amore” a cura di Paolo Ruffilli e Manuela Giabardo, Biblioteca dei Leoni , 2014. Recensione di Sandra Evangelisti

“…..è insostenibile per l’anima/il silenzio dell’amore” Per colmare dunque questo silenzio è necessario vivere l’amore e rappresentarlo in versi quasi come se dovessimo sentire all’unisono il respiro dell’amato ed il nostro. La poesia di Anna Achmatova raggiunge questo effetto splendido con questa raccolta curata e tradotta da Paolo Ruffilli e da Manuela Giabardo. La parola scabra ed essenziale lascia meglio rivivere e interpretare a chi legge le vicende dell’amore. La sensibilità della poetessa è altissima così come la potenza espressiva dei suoi versi. Tutto questo in linea con il pensiero e l’interpretazione del movimento poetico dell’ “acmeismo “di cui la Achmatova fa parte . I versi della presente opera sono tratti prevalentemente dalle prime raccolte: Sera, 1912; Stormo bianco1917 e Piantaggine,1921 Non mancano tuttavia esempi dell’ultima produzione da Requiem,1939, Elegie del Nord 1942-43 e La corsa del tempo 1962

Anna Achmatova vive con difficoltà la sua creazione poetica nel momento della massima espansione della dittatura di Stalin. Viene accusata di “estetismo” e di “disimpegno politico”. Vede morire il primo marito ucciso dalla dittatura ed anche l’unico figlio Lev fu arrestato per motivi politici. Forse anche solo perché portava il cognome del padre ucciso, Gumilev.

Nel 1917 la poetessa faceva file di ore davanti alle carceri per poter vedere il figlio e mentre era lì si dice che una donna gli chiese : “Ma questo lei può descriverlo? ”Anna rispose di sì, e i volti delle due donne divennero luminosi e sorridenti per un attimo.

Ecco, in effetti , il  miracolo che compie Poesia, è proprio questo rendere visibile a tutti, ciò che il singolo percepisce e trascrive. Anna Achmatova con la sua parola poetica incisiva e semplice fa proprio questo, rende la storia del suo popolo percepibile a tutti in modo tridimensionale, e per questo Anna Gorenko(Achmatova è nome d’arte)è passata alla storia come “Anna di tutte le Russie”(così la chiamò Marina Cvetaeva sua contemporanea). “Prego il raggio che dalla finestra/entra pallido,sottile,diritto/Da stamattina non parlo,/il cuore spezzato in due”(da Sera).

db133a7f8596d53b834d504488d1a9ac

 

 

 

 

Commenti disabilitati su Anna Achmatova ” Il silenzio dell’amore” a cura di Paolo Ruffilli e Manuela Giabardo, Biblioteca dei Leoni , 2014. Recensione di Sandra Evangelisti

Archiviato in Uncategorized

UNA POESIA INEDITA DI SANDRA EVANGELISTI

E’ come un tuffo in un’altra posizione
da cielo a terra
violento
non composto
e dalla terra la speranza
di quel filo di luce
a cui aggrapparsi

Così d’un tratto
Senza più niente
del passato
In una tenda.

E loro?
Ho perso tutto
L’amore possibile
inghiottito da un boato.

E sono qui, vivo.
Chissà perché,
proprio io
Una preghiera flebile
arrivi
laddove
non è dato.

E’ una parentesi,
questa terrena,
e poi vi rivedrò.

2 commenti

Archiviato in Uncategorized