“Solfeggio” di Maria Antonia Maso Borso, Biblioteca dei Leoni, 2014, recensione di Sandra Evangelisti

Il solfeggio è la disciplina mediante  la quale si impara a leggere ad alta voce uno  spartito, e quindi la musica, riservando ad ogni nota il giusto tempo, la lunghezza ed il colore.

Questa raccolta di versi di Maria Antonia Maso Boso ci parla delle vicende della vita dell’autrice in modo musicale , proprio come se ogni parola avesse una sua dimensione in musica, e ogni verso fosse il rigo di uno spartito. E lo spartito con le sue righe, le sue fughe, le sue pause è la vita stessa dell’autrice. Mentre il “Notturno” diventa un canto corale, si potrebbe dire che qui invece siamo all’inizio dell’esperienza di composizione di poesia, come anche il solfeggio è la materia che nello studio della musica si affronta per prima. Allora ogni lirica si riferisce ad un momento preciso nel tempo e nello spazio della vita dell’autrice. La prima lirica “Punteggiatura “sembra un gioco di parole, ma unisce i due mondi della musica e della poesia paragonando i segni grammaticali della scrittura ad altrettanti segni e note della musica.

In questo testo si parla di un amore concreto, che è venuto a mancare. Poi l’autrice ritorna alla vita passata e con questa ai luoghi della giovinezza(Alba a Milano; La casa dei nonni). C’è la descrizione di personaggi politici seguiti in televisione, fatta sempre con un pizzico di ironia. E con ironia anche la ricerca di un editore a cui affidare le proprie creature letterarie(Formato tascabile). Poi anche incontriamo momenti di vita quotidiana descritti attraverso gli oggetti che formano un’abitazione, ad esempio la descrizione del “Comignolo”, rosa. “Potessi come lui restare immota/sull’orlo degli eventi/a riflettere il sole/….” Alla fine la vita vince sempre e con lei l’amore.”Eppure il sole tornerà/l’ombra sarà sconfitta/e tutto parrà nuovo e sorridente/in cielo e nel cervello della gente//Ad onta del crudele saliscendi/l’uomo nella sua essenza/non è mai perdente.”

solfeggioimg

Annunci

Commenti disabilitati su “Solfeggio” di Maria Antonia Maso Borso, Biblioteca dei Leoni, 2014, recensione di Sandra Evangelisti

Archiviato in Uncategorized

I commenti sono chiusi.